Il Giardino

Anche all’esterno ha mantenuto l’originaria natura, salvaguardando nel giardino gli alberi, il nocelleto, il noccioleto che da sempre hanno caratterizzato con i loro squisiti frutti queste campagne. Nella parte frontale della villa troviamo l’aia in vasoli di pietre antiche, un tempo destinata al deposito dei raccolti e alla battuta dei cereali.
Sul far della sera le luci esaltano la presenza del porticato, ambiente dove casa e natura si incontrano creando suggestive atmosfere per piccoli e grandi ricevimenti. Un ampio spazio verde si apre sul resto tra conifere e pietre. Qui è incastonata la piscina, imprescindibile coreografica di ogni evento in villa. Una siepe di “laurus nobilis” la rende più raccolta durante le ore del giorno e la separa dalla zona antistante la villa. Le vaste dimensioni della proprietà consentono ambienti in cui movimenti e “luoghi dello stare” si accostano. Ne è un esempio la collocazione ambientale della veranda giardino sul retro della villa. Attraverso le ampie vetrate a tutt’altezza, interno ed esterno si compenetrano permettendo di “vivere” intensamente la natura circostante. Completano l’originalità di questa location due antichi pozzi di cui uno incorniciato da un ampio gazebo che, insieme creano “una stanza nel verde” e dulcis in fundo la proverbiale “fontana della Fortuna”.
Un sentiero di fiori accompagna dolcemente il percorso di una romantica stradina di proprietà della tenuta che ci conduce a questa fonte le cui acque furono secondo antiche credenze popolari propiziatorie di ogni beneficio.
Ancora oggi è viva la tradizione, in particolare nelle coppie che si accingono al matrimonio di “bagnarsi” le mani presso questa sorgente con l’auspicio di un unione felice e duratura. Non a caso questa fontana e stata costruita in pietra quale simbolo di solidità e quindi eternità.